PUBBLICITÀ COMPARATIVA: QUANDO DIVENTA ILLECITA

pubblicità comparativa ingannevole

Quando si parla di pubblicità comparativa, si fa riferimento a quel tipo di pubblicità che identifica (in modo esplicito o implicito) un’azienda o un professionista concorrente o beni o servizi offerti da un concorrente sul mercato. Si tratta di una tecnica di marketing lecita che però deve essere attuata secondo precise limitazioni, nel rispetto del … Leggi tutto

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IN CASO DI EREDITÀ, COSA ACCADE ALL’ASSEGNO DIVORZILE?

assegno divorzile eredità

Come è noto, a seguito di separazione e di divorzio, il coniuge economicamente più stabile è tenuto, nella maggior parte dei casi, a corrispondere delle somme a favore dell’altro coniuge, con cadenza solitamente mensile. Prima che intervenga il divorzio, tale contributo prende il nome di “assegno di mantenimento”; negli anni si sono susseguite numerose pronunce … Leggi tutto

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PERCHÈ LA DONAZIONE NON È LA SOLUZIONE

atto di donazione

Ci è capitato diverse volte che dei clienti dello studio, molto spesso in qualità di soci di società con qualche problema economico, ci chiedessero una consulenza sull’istituto della donazione, individuando in esso la soluzione per tutelare il proprio patrimonio da eventuali aggressioni da parte dei creditori. In questo articolo abbiamo già visto cosa implica l’acquisto … Leggi tutto

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

SPESE DI MANUTENZIONE E VIZI DELLA COSA LOCATA

vizi cosa locata

La regola generale dei contratti di locazione vuole che le spese per la manutenzione dell’immobile siano ripartite tra il conduttore ed il locatore in modo chiaro: il conduttore deve sostenere le spese ordinarie mentre il locatore (il proprietario dell’immobile) quelle straordinarie. Sebbene la regola sembri di facile applicazione, nella realtà si verificano spesso situazioni nelle … Leggi tutto

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COGNOME DELLA MADRE O DOPPIO COGNOME AL NEONATO: LA DECISIONE STORICA

Con un comunicato del 27 aprile scorso, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità di tutte le norme che prevedono che il neonato prenda automaticamente il cognome del padre, segnando con tale presa di posizione un momento che rimarrà nella storia della cultura italiana. Va precisato che tale decisione si applica a tutte le situazioni possibili, … Leggi tutto

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •