L’animale domestico e la separazione

Ebbene sì, in caso di separazione o divorzio l’animale domestico diventa vero e proprio oggetto del contendere.

Qualche tempo fa è stata emessa una sentenza rivoluzionaria, tanto è vero che oggi si può parlare anche per gli animali domestici di affido congiunto.

Ma partiamo con ordine.

La definizione di animale domestico è contenuta nella Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia (Convenzione stipulata a Strasburgo il 13 novembre 1987, ratificata nel nostro Paese con la Legge 4 novembre 2010, n.201), che ritiene tale “ogni animale tenuto, o destinato ad essere tenuto dall’uomo, in particolare presso il suo alloggio domestico, per suo diletto e compagnia”.

Nel caso in cui due coniugi optino per la separazione, il Tribunale, se non c’è accordo fra le parti, affiderà l’animale domestico al coniuge (o ai coniugi, ed in questo caso si parlerà di affidamento congiunto) in grado di garantire il maggior benessere, e questo a prescindere da quanto risulta dal documento anagrafico dell’animale.

L’animale domestico (o se si preferisce “da compagnia”) non è più considerato “cosa”, ma “essere senziente”, ed è questa la ragione per cui si discute oggi di questa tematica in caso di separazione dei coniugi. Nel momento in cui i coniugi si separano, sarà loro diritto decidere se collocare l’animale domestico presso l’una o l’altra abitazione; e oltre a questo aspetto, i proprietari dovranno curarsi del mantenimento dell’animale.

Purtroppo non esiste ancora una legge che disciplini l’affidamento congiunto dell’animale domestico in caso di separazione, ma come emerge da una recente sentenza (Tribunale di Roma, 15 marzo 2016) i giudici si stanno indirizzando verso l’affidamento condiviso, prevedendo per l’animale un trattamento peculiare, ossia la permanenza di sei mesi presso un’abitazione e sei mesi presso l’altra, con facoltà per la parte che nei sei mesi non lo avrà con sè, di vederlo e tenerlo due giorni la settimana, anche continuativi, notte compresa“. 

Da tutto ciò emerge che il legislatore si dovrà presto pronunciare sulla situazione dell’affidamento degli animali domestici in caso di separazione, vista anche l’importanza di questi legami affettivi.

Non dimenticate, quindi, di rimanere aggiornati su questo versante!

Se hai apprezzato questo articolo, leggi anche:

http://blog.slcx.it/bambini-animali-e-condominio-cosa-prevede-la-legge/

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
The following two tabs change content below.
Avv. Laura Citroni
L’Avv. Citroni assiste da sempre società e gruppi societari fornendo assistenza anche nel “day to day business”. Interessata al diritto di famiglia e dei minori, nel 2014 ha pubblicato l'e-book "Questioni di Famiglia". Attualmente, oltre a pubblicare articoli sul Blog dello Studio, collabora in modo attivo con vari siti web dedicati, rivolgendo attenzione sia alle famiglie, che ai consumatori.

Lascia un commento